Pneumologia interventistica

Oggi e domani si tiene in IEO il 7° Corso Multidisciplinare IEO di Oncologia Polmonare. Il professor Spaggiari è tra gli organizzatori e moderatori del Corso. La Divisione è rappresentata anche dalle presentazioni della dr.ssa Juliana Guarize dal titolo “Video-live: La diagnosi con FBS/EBUS/TBNA” , il dr. Domenico Galetta “Lettura + video: Tecniche diagnostiche di chirurgia toracica” e il Prof. Francesco Petrella “Il ruolo della Chirurgia”. Il programma completo è visualizzabile QUI.Leggi altro →

Un nuovo articolo è stato pubblicato sul giornale “Innovations: Technology and Techniques in Cardiothoracic and Vascular Surgery”. A partire da un caso clinico, gli autori descrivono l’efficacia dell’EBUS-TBNA, tecnica mini-invasiva e con un minor rischio per il paziente rispetto a procedure maggiormente invasive, che garantisce di raggiungere e campionare anche le lesioni pleuriche. Per leggere il lavoro integralmente cliccare QUI.Leggi altro →

In questo articolo pubblicato su American Journal of Clinical Pathology vengono mostrati i risultati che si ottengono da una collaborazione tra patologi e pneumologi interventistici. Sono stati analizzati 306 pazienti con tumore del polmone sottoposti a EBUS-TBNA. I campioni citologici ottenuti sono stati sottoposti ad sequenziamento di nuova generazione per rilevare eventuali mutazioni dei geni EGFR e KRAS, importanti per i trattamenti medici. Questo studio ha dimostrato che non c’erano differenze statisticamente significative tra le mutazioni riscontrate tramite analisi dei campioni ottenuti con la broncoscopia e quelli chirurgici. Questo consentirà di evitare procedure chirurgiche a pazienti che necessitano di una caratterizzazione molecolare, ottenibile con minorLeggi altro →

La broncospia EBUS è un esame diagnostico utilizzato in pneumologia interventistica che utilizza un videobroncoscopio di ultima generazione ad ultrasuoni (EBUS, Endo Bronchial Ultra Sound) al fine di diagnosticare e studiare il tumore del polmone all’interno delle vie bronchiali e nelle regioni raggiunte dai bronchi. Permette anche di studiare altre patologie oltre che il tumore del polmone, come le patologie tumorali dei linfonodi (linfomi), le patologie granulomatose ed infettive (sarcoidosi, TBC), le patologie del mediastino (tumori del mediastino, tumori dell’esofago). Inoltre consente di eseguire piccoli prelievi, denominate biopsie mirate, di piccole lesioni anche nei pazienti con metastasi, permettendo così al patologo di ottenere informazioni sul tumore che consentirà diLeggi altro →